Apri il menù

Che cos'e' Abos

L'A.B.O.S. è un'associazione convenzionata con l'Azienda Ospedaliera Brotzu, il cui impegno è rivolto ai bambini Ospedalizzati. Nata nel 1991, per statuto apartitica e aconfessionale, è attiva a Cagliari presso l’Ospedale Microcitemico: nei reparti di Oncoemapatologia Pediatrica, Day Hospital, Centro trapianti midollo osseo; Clinica Pediatrica; Reparto di Talassemia; Reparto di Neuropsichiatria infantile; Reparto di chirurgia Pediatrica presso l'Ospedale Brotzu.
L'Associazione è composta di oltre 150 volontari, che si alternano settimanalmente in turni mattutini e pomeridiani: sono giovani e adulti che con la loro creatività e comunicativa riescono facilmente ad entrare in sintonia con i bambini i quali, a loro volta, rispondono in maniera positiva e con entusiasmo alle proposte operative. L'A.B.O.S. apre le porte a tutti coloro che intendono destinare anche una minima parte del proprio tempo all'assistenza dei piccoli ricoverati. Il volontario può operare sia all'interno dell'ospedale sia all'esterno, sempre col fine di apportare nuove idee in un mondo in continua e costante evoluzione come quello del bambino.

COME OPERA ABOS

L'impegno di dedicarsi al volontariato è una scelta alla quale si deve pervenire solo se profondamente motivati. I volontari sono presenti con disponibilità e discrezione in un clima sereno ed amichevole.

Il compito dei volontari consiste nel cercare di aiutare i bambini a colmare i lunghi spazi di tempo richiesti dalle terapie.

Il volontario si impegnerà a trovare sempre nuove idee in un mondo in continua e costante evoluzione come quello del bambino.

Il volontario organizzerà laboratori creativi, giochi, disegni, letture etc, cercando di rendere i reparti più allegri vivaci ed accoglienti.

Regalare un sorriso ad un bambino, riempirlo d'amore, farlo giocare ed aiutarlo a superare il trauma del ricovero e delle cure, diventa qualcosa di speciale: questi semplici gesti si arricchiscono di un significato particolare per il bambino ospedalizzato che, tolto dalla realtà familiare, sociale, scolastica, vive una situazione di disagio e sofferenza.

Con il bambino e la sua famiglia si divide l'esperienza dell'amicizia, della complicità, della fiducia, che si rafforzano nei momenti di socializzazione, come le feste che periodicamente si organizzano all'interno della struttura Ospedaliera, le gite accompagnate da giochi di gruppo e di animazione, e tante altre iniziative. La nostra esperienza ci insegna che spesso anche i genitori dei bambini ospedalizzati cercano e trovano, nel volontario, sostegno e comprensione per affrontare con maggior serenità l'ansia del ricovero e la loro fiducia incoraggia i nostri operatori a dare il meglio.

In questi lunghi anni d'attività i nostri volontari hanno saputo conquistare la fiducia del personale medico e paramedico e il dialogo si è andato rafforzando in un rapporto di reciproco rispetto dei ruoli creando, nei reparti ospedalieri, il giusto clima d'armonia per un sereno convivere. Fare volontariato, far parte di un'Associazione come l'A.B.O.S. aiuta un po' tutti a crescere, capire, imparare, vivere, amare, perchè donare un sorriso scalda il cuore di chi lo dona e di chi lo riceve.

Come si diventa volontari

Al volontario sono richiesti i seguenti requisiti personali: Essere maggiorenne e in buona salute, amare i bambini, avere pazienza e disponibilità, fantasia, voglia di giocare e tanta discrezione. L'A.B.O.S. richiede l'impegno di almeno mezza giornata la settimana in reparto purchè sia sempre lo stesso giorno; conoscenza di giochi e di attività ricreative ect. La partecipazione ad iniziative di aggiornamento e attività promosse dall'A.B.O.S.
L'aspirante volontario, affiancato da una persona esperta, dovrà sostenere un periodo di prova di circa sei mesi, al termine del quale il Consiglio Direttivo esprimerà il proprio parere sull'inserimento definitivo dello stesso.